Etichette Cosmetiche e INCI

Ciao a tutti,

Prodotti cosmetici, quali i più sicuri?  Impariamo a leggere l’etichetta di ogni prodotto seguendo queste semplici regole…

inci

La lista che per legge,  deve indicare su ogni confezione di ogni prodotto cosmetico  gli ingredienti in esso contenuti,  si chiama:

 INCI  (International nomenclature of cosmetic ingredients).  

Gli ingredienti indicati nella lista INCI vengono messi  uno dopo l’altro a partire dalla sostanza presente in quantità maggiore nel prodotto. Seguono tutti gli altri ingredienti, che vengono presentati in ordine decrescente. Solitamente  il primo ingrediente che viene indicato  in etichetta sarà  costituito dall’acqua, indicata come “aqua”, che sarà  poi seguita dagli altri ingredienti.

Nello scrivere l’elenco degli ingredienti , quando le sostanze presenti nel  cosmetico  sono elencate in etichetta mantenendo il loro nome latino, significa che esse sono state inserite nella formulazione del prodotto tali e quali, senza subire modificazioni chimiche. E’ questo  il caso ad esempio degli oli /burri  e vegetali utilizzati puri . Butyrospermum Parkii  non è altro che il nome in latino del Burro di Karitè . Gli altri ingredienti, frutto di sintesi chimica, vengono elencati in lingua inglese o  utilizzando codici numerici.

in generale, ogni prodotto cosmetico  della persona pensato per essere rispettoso dell’ambiente e della pelle non dovrà contenere ingredienti come:

  1. Tensioattivi derivati dalla raffinazione del petrolio (SODIUM LAURETH tossicoSULFATE (SLS), SODIUM LAURYL SULFATE, (SLES ). Si tratta di sostanze dotate di proprietà schiumogene, detergenti e solubilizzanti presenti in tutti i prodotti per la detersione del corpo e dei capelli.  Sono molto aggressive per la pelle e  quindi è meglio scegliere prodotti più delicati e limitarne l’uso. Meglio scegliere prodotti contenenti   da tensioattivi di origine naturale o vegetale, come Coco glucosideDecyl glucoside e Sodium lauroyl glutamate.
  2. Altri ingredienti derivati dal petrolio  PARAFFINUM LIQUIDUM, , MINERAL OIL, PETROLATUM, Derivano dal raffinazione e lavorazione del petrolio. Sono contenuti in molti oli coiniambrpo, anche in quelli destinati ai  creme e balsami.  Producono un film impermeabile sulle pelle che diventa così più liscia. Come i siliconi, la pelle non traspira e può comparire l’acne. Le impurità che restano dopo il processo di raffinazione favorirebbero invecchiamento e tumori.
  3. Parabeni  METHYLPARABEN, ETYLPARABEN,… Sono dei conservanti utilizzati nelle creme, nei dentifrici, negli shampoo, nei dentifrici… insomma in tantissimi prodotti di uso quotidiano.  Queste sostanze penetrato attraverso la pelle, e  se utilizzati in dosi elevate, rimanendo intatte all’ interno del tessuto, accumulandosi possono interferire con i recettori ormonali per gli estrogeni e facilitare la proliferazione di cellule tumorali.
  4. Siliconi  DIMETHICONE E AMODIMETHICONE, ….ONE   inquinanti  NON biodegradabili. Creano una pellicola sulla pelle e sui capelli, per renderli apparentemente sani, ma per nulla nutriti.
  5. Sali di alluminio  Sono utilizzati nei deodoranti perché limitano la traspirazione ed eliminano gli odori. L’uso prolungato di tali sostanze è collegato al rischio di insorgenza al cancro al seno in quanto i Sali di alluminio sono in grado di danneggiare in modo significativo il DNA delle cellule stimolandone la degenerazione in cellule cancerose.
  6. Ingredienti altamente inquinanti  come EDTA, MEA, TEA, MIPA.
  7. Ingredienti altamente allergizzanti  Triclosan e Imidazolidinyl urea, DMDM Hydantoin, Methylisothiazolinone e Methylchloroisothiazolinone, utilizzati come conservanti

Autore dell'articolo: esteticacrisalide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *